Biologico

Come produciamo i nostri vini?

Produrre vino biologico significa fare una scelta coraggiosa per rispettare il territorio e la salute delle persone che bevono i nostri vini. Oggi l’agricoltura convenzionale permette l’uso di prodotti di sintesi. Questo non solo porta a un’inevitabile esaurimento delle risorse e ad un inaridimento del territorio dovuto al rilascio di sostanze tossiche, ma ci dà un prodotto meno sano da consumare.

Per questo abbiamo scelto di certificarci biologico e di utilizzare solo sostanze naturali per coltivare le nostre piante.

I nostri viniPrenota una visita

Una scelta coraggiosa…

Fare vino biologico comporta una filosofia di produzione che deve essere condotta nel massimo rispetto della “vita” dal campo alla cantina. Fare vino biologico non è solo seguire un regolamento che detta linee guida di comportamento, ma è anche e soprattutto “rispetto”. Rispetto per la terra, per le piante, anche quelle che stanno intorno al campo coltivato, per l’uomo che si prende cura della terra e delle piante, per quell’uva che ci darà uno dei prodotti più densi di simbolismo, energia e gratificazione dell’agricoltura.
Quando decidemmo di passare al metodo di coltivazione biologica della vigna, ormai nel lontano 1999, iniziammo un percorso nella consapevolezza che avremmo avuto bisogno di confrontarci con il sapere e l’esperienza di agronomi specializzati. 

La vendemmia, rigorosamente manuale, viene fatta assecondando l’andamento stagionale per consentire alle uve di essere nel pieno della loro maturazione fenolica e tecnologica. Le uve di sangiovese per la produzione del nostro vino rosso sono raccolte dal 20 di settembre in poi, mentre le stesse per la produzione del nostro vino rosato sono raccolte già dagli ultimi giorni di agosto.

Per quanto riguarda invece le uve a bacca bianca per la produzione del nostro vino a vendemmia tardiva, le uve di albana e di trebbiano sono raccolte nel momento perfetto di equilibrio tra le caratteristiche organolettiche e l’acidità.